Onde d'urto

Dall’anno 2014 la Dott.ssa Pamela Salucci (Fisiatra) esegue trattamenti con onde d’urto focali con l’ausilio di una delle ultime strumentazioni nate nel settore della moderna litotrissia ortopedica, Piezowawe di Richard Wolf.

Le onde d'urto sono onde acustiche (impulsi sonori, di natura meccanica prodotte da appositi generatori), in grado poi di propagarsi nei tessuti, in sequenza rapida e ripetuta.

A livello microscopico, la stimolazione con le onde d'urto è paragonabile ad una sorta di "micro-idromassaggio" profondo sui tessuti e sulle cellule, in grado di indurre queste ultime a reagire positivamente, con produzione di sostanze ad azione antinfiammatoria e di fattori di crescita, che stimolano la rigenerazione dei tessuti stessi, a partire dalle cellule staminali.

Gli impulsi pressori prodotti dalle O.U. sono capaci di indurre, a livello delle zone colpite:

  • riduzione della flogosi locale;

  • neoformazione di vasi sanguigni;


La risposta al trattamento con O.U. è diversa a seconda dei tessuti colpiti.
Nel tessuto osseo è stata osservata una reazione di tipo osteogenetico ed una di tipo vascolare; nei tessuti molli, invece, oltre ad una risposta vascolare si verifica anche un effetto antinfiammatorio ed antalgico. 
Per quanto riguarda l’effetto vascolare sono stati evidenziati due tipi di risposta.
Una, precoce e transitoria, è dovuta all’effetto delle O.U. sulle terminazioni nervose simpatiche con conseguente simpaticoplegia che induce l’apertura del letto capillare (effetto “wash out” degli Autori anglosassoni).
A distanza di alcuni giorni, segue una seconda risposta legata all’incremento del numero dei capillari nel distretto irradiato.

La risposta antinfiammatoria, osservabile dopo il trattamento, è sostenuta dall’intenso lavaggio circolatorio tissutale che si viene e determinare nell’area bersaglio e che causa l’allontanamento delle molecole ad attività chinino ed istamino-simile e della cosiddetta sostanza P presenti nella regione della flogosi.

Indicazioni per le onde d’urto focali:

 

1) Tendinopatia o borsite calcifica della spalla

2) Tendinopatie inserzionali croniche

3) Fascite plantare (con e senza spina calcaneale)

4) Osteonecrosi in stadi precoci

5) Osteocondrite dissecante in stadi precoci dopo la maturità scheletrica

6) Distrofie ossee simpaticoriflesse

7) Sindrome Miofasciale

8)Lesioni muscolari senza discontinuità

9)Ulcere cutanee

10)Spasticità

 

Controindicazioni

  1. infezione acuta dei tessuti molli/ossa

  2. malattie primarie perniciose

  3. nuclei di accrescimento nel punto focale se si utilizzano energie elevate

  4. malattie della coagulazione del sangue

  5. gravidanza

  6. pazienti con pacemaker

  7. tessuto polmonare nel punto focale

  8. encefalo, midollo spinale, grandi nervi nel punto locale (neurocranio, colonna vertebrale, costole


Certificato ISO 9001:2008

Certificato ISO 9001:2008

Realizzato da web agency
Copyright © 2018 Centro Fisiolaserterapico Emiliano Srl. Tutti i diritti riservati. C.C.I.A.A. 277274 - Reg. Soc. Trib. 35087
Sede legale: Viale Roma 9 - 40024 Castel San Pietro Terme (BO) - Tel. e Fax 051 943001 - P.IVA 00608041208 - C.F. 03267390379
Privacy Policy